Argomento

Ricette

Spaghetti quadrati al nero di seppia su vellutata di patate al brodo di cozze

26 febbraio 2016

imageQuesta ricetta è una delle mie varianti al classico spaghetto al nero di seppie. Provatela…non ve ne pentirete.  Il gusto è diverso e delicato ma altrettanto buono…ho usato uno spaghetto quadrato, non ho usato l’estratto di pomodoro, ho sfumato il sugo al vino bianco e ho servito gli spaghetti su una crema di patate al brodo di cozze.

Ingredienti e dosi per 4 persone: 350 g di spaghetti quadrati, 700 g di seppie (al netto dopo la pulitura circa 500 g), 1 kg di cozze, un bicchiere di vino bianco, 3 spicchi d’aglio, pepe e sale qb, 600 g di patate, un ciuffo di prezzemolo.

Procedimento: fai pulire le seppie dal tuo pescivendolo, avendo cura di farti mettere da parte le sacche di nero. Riduci le seppie a pezzetti. Fai dorare in una padella uno spicchio d’aglio intero in olio extravergine d’oliva, aggiungi le seppie tagliate a pezzetti, dopo aver rimosso lo spicchio d’aglio, sala e sfuma con mezzo bicchiere di vino bianco. Infine aggiungi le sacche di nero.

A parte, dopo aver pulito (meglio se lo fa il tuo pescivendolo) e tolto il filo alle cozze, falle aprire in un tegame seguendo questo procedimento: fai dorare uno spicchio d’aglio intero (che poi dovrai rimuovere) in olio extravergine di oliva, aggiungi le cozze, metti un coperchio e non appena saranno aperte, sfuma al vino bianco e pepa a piacere. Filtra con un colino il succo delle cozze. Ti servirà per la crema di patate. Non salare.

Procedi col preparare la crema di patate. Fai dorare in un tegame uno spicchio d’aglio intero in olio extravergine di oliva, aggiungi le patate, pelate e tagliate a tocchetti. Non appena saranno ben insaporite (mi raccomando di non aggiungere sale) irrora col brodo delle cozze filtrato e porta a cottura. Frulla le patate fino ad ottenere una crema della consistenza che vorrai  e che potrai ottenere dosando a tuo piacere il succo delle cozze.

Nel frattempo avrai cotto gli spaghetti ben al dente che provvederai a saltare in padella col condimento al nero. Servi riponendo gli spaghetti sulla crema di patate e aggiungendo una spolverata di prezzemolo tritato.

Come avrai notato non devi usare sale se non per salare gli spaghetti in cottura, il sapore sarà conferito dalle cozze.

Insalata di polpo cetriolo patate sedano e zenzero

22 gennaio 2016

Che ne pensate se ad una classica insalata di polpo con sedano e patate bollite aggiungiamo del cetriolo, dello zenzero e del succo di limone non trattato? Provate….il risultato è ottimo per una ricetta estiva, fresca e leggera.

Ingredienti e dosi per 4 persone: 1 polpo di 700 g circa, 1 cetriolo, tre gambimagei di sedano, un pezzo di zenzero, alloro, sale, 3 patate grandi, olio evo sale e pepe qb, succo di un limone non trattato.
Ricetta: fai bollire il polpo fresco in acqua salata a cui aggiungerai qualche foglia di alloro. Il polpo ha tempi di cottura diversi a seconda della sua grandezza. Un polpo di media grandezza va cotto 10/15 min da quando bolle l’acqua e poi va lasciato in acqua per altri dieci minuti, a fuoco spento. Tiralo fuori dall’acqua, taglialo a pezzi e aggiungi sedano, patate bollite a dadini, cetriolo a pezzetti e zenzero grattugiato. Irrora il tutto con olio evo, succo di limone e aggiungi un po’ di pepe nero se ti piace.

Bianco mangiare alle mandorle

22 gennaio 2016

Si tratta di un dolce tipico della tradizione siciliana a base di latte e amido. Per Natale vi propongo una versione rivisitata un po’ meno leggera.

IngrIMG_7437edienti e dosi per 4 persone:

300 g di mandorle, 500 g di latte fresco intero,e pelate, 200 ml di panna fresca, 100 g di zucchero, 10 g di colla di pesce.

Ricetta 
Questa ricetta va iniziata il giorno prima perché bisogna preparare in anticipo il latte di mandorla facendo riposare le mandorle pelate nel latte per una notte in frigorifero. Se vuoi velocizzare la ricetta potrai usare il latte di mandorla già pronto però sappi che il gusto non sarà lo stesso.
Se hai deciso di fare il latte di mandorla in casa. Il giorno seguente frulla il latte e le mandorle, fino ad ottenere un composto liscio. Filtralo con un setaccio a maglie non troppo strette. Va bene anche un cola latte in modo che la mandorla si senta. Versa il liquido ottenuto in un tegame, aggiungi lo zucchero semolato e fai intiepidire. Nel frattempo avrai fatto ammollare la colla di pesce in acqua. Strizzala e aggiungila al composto liquido e tiepido. Monta la panna non completamente, in modo da farla rimanere morbida. Uniscila al composto di latte di mandorla e colla di pesce, che nel frattempo si sarà raffreddato. Versalo in singole coppette, riponi su qualche mandorla pelata e metti in frigorifero per almeno 2 ore.

Involtini di spatola alla siciliana su crema di cipolla rossa e peperoni

22 gennaio 2016

IMG_0625Si tratta di un piatto tutto sommato economico e anche veloce da realizzare e che prevede l’uso di un ortaggio, il peperone rosso, tipico della stagione estiva e autunnale. Se però vuoi realizzare un involtino di spatola usando la stessa ricetta, per rispettare la stagionalità, puoi servirlo con un altro ortaggio tipico della stagione invernale quale il porro!

Ingredienti e dosi per 4 persone: 8 filetti di spatola da 70 g circa cad, 3 peperoni rossi (o 2 porri) una cipolla rossa.

Per la farcia: mollica di pane, olio evo, capperi di Sicilia, pepe nero, caciocavallo, uva passa, pinoli.

Per l’impanatura: 2 uova, farina qb, pangrattato qb.

Procedimento: fai sfilettare la spatola dal pescivendolo e procedi a preparare la farcia. Unisci alla mollica abbondante olio evo, 60 g circa di caciocavallo semi stagionato (o a dadini o grattugiato), sale e pepe a tuo gusto, i capperi precedentemente dissalati (immergendoli per circa un’ora in acqua fredda), l’uva passa fatta rinvenire in acqua fredda (tienila immersa in acqua fredda per un pò cioè finché non vedi che rinviene) e i pinoli precedentemente tostati.

Non appena la farcia è pronta (assaggiala per verificare che i sapori siano tutti ben bilanciati) procedi col farcire i filetti di pesce, riponendo un pò di farcia sul filetto. Arrotola il filetto su se stesso. Procedi con l’impanatura passando l’involtino prima nella farina poi nell’uovo sbattuto e successivamente nel pangrattato. Friggi in olio extravergine d’oliva bollente.

Involtini di pesce spada

20 gennaio 2016

Piatto tipico siciliano che io rivisito un po’IMG_0102 rispetto alla ricetta originale in modo da renderli idonei a tutti i palati….

Ingredienti e dosi per 4 persone:

500 g di pesce spada tagliato in fette sottili, 200 g di mollica di pane casereccio, olio extravergine di oliva, sale e pepe qb, 100 g di pinoli, succo di un limone, un ciuffetto di prezzemolo tritato,

ECCO COME LI RIVISITO: condisco la mollica di pane casereccio solo con olio evo, abbondante succo di limone, pepe nero, prezzemolo tritato, sale e pinoli…se non volete rischiare che il pesce si secchi nel forno potete impanare le fette ovvero passatele prima in un po d’olio evo e poi nella mollica. Io in questo caso non l’ho fatto!

ECCO in breve LA VERSIONE ORIGINALE: aggiungi uva passa fatta rinvenire nell’acqua e non usare il limone.

VARIANTE: in inverno al posto del succo di limone puoi usare il succo di arancia!

Filetti di pesce spatola in crema di peperoni e capperi di Sicilia

20 gennaio 2016


IMG_7433
Questo piatto dai colori vivaci è di semplice e veloce realizzazione ed è anche abbastanza economico! Te lo suggerisco come secondo in un pranzo estivo o autunnale…la crema è di peperoni e la stagione di questi ultimi è l’estate e l’autunno!

Ingredienti e dosi per 4 persone: 6 filetti di spatola, farina, 2 peperoni, 2 cipolle rossa, sale e pepe quanto basta, 50 g di capperi di Sicilia, olio evo, 50 g di pinoli.

Procedimento: Comincia col preparare la crema di peperoni e cipolla rossa facendo saltare in olio evo i peperoni e la cipolla tagliati a fettine, salti e pepati. Falli stufare col coperchio in modo che mantengano l’umidità e non si attacchino al tegame. Non appena i peperoni e le cipolle saranno ben stufati frulla il tutto, assaggia e se necessario aggiusta di sale.

Fai sfilettare la spatola dal tuo pescivendolo, sala i filetti e infarinali, friggili in olio evo e mettili a scolare su carta assorbente.

Tosta i pinoli in una padella antiaderente e dissala i capperi (immergili per circa un’ora in acqua fredda e pulita e poi strizzali) che provvederai a sminuzzare.

Assembla questo secondo piatto mettendo prima uno strato di crema di peperoni poi i filetti di spatola e infine i capperi e i pinoli.